Che rischi si corrono se il vicino di casa ha il tetto in Eternit?

Scambiatori di calore in efficienza
25 Giugno 2018
bonifica tetto in eternit
Come Bonificare un tetto in Eternit? Ecco la procedura corretta
7 Dicembre 2018

Che rischi si corrono se il vicino di casa ha il tetto in Eternit?

tetto in eternit

Che rischi si corrono se il vicino di casa ha il tetto in Eternit?

L’Università del Piemonte ha condotto una ricerca epidemiologica, la quale ha dimostrato che “Il rischio di ammalarsi di mesotelioma è proporzionale all’entità di esposizione all’amianto accumulata nel corso della vita». Lo studio è stato pubblicato nel 2016 su una rivista scientifica internazionale e ha esaminato l’esposizione all’amianto su un gruppo di persone.

I risultati parlano chiaro: più aumenta l’esposizione ambientale (dunque anche quella indiretta, non è necessario entrare in stretto contatto con le fibre di amianto) e più cresce il rischio di ammalarsi di mesotelioma, il cancro maligno causato dall’amianto.

Cosa fare dunque se sospettiamo che il nostro vicino abbia il tetto in Eternit?

Se si vive nelle vicinanze di un tetto in eternit il rischio di ammalarsi può anche raddoppiare. Il pericolo può crescere dalle 3 alle 5 volte, quindi è necessario segnalare la presenza di materiale pericoloso, ovviamente dopo essersi accertati della veridicità della situazione.

Il tetto in Eternit non solo è dannoso per la salute, ma è anche illegale. Le coperture in amianto sono bandite dalla legge da ormai 25 anni, ma nonostante questo ci sono ancora mole persone che non hanno provveduto a rimuovere le tettoie in eternit, con il rischio di causare problemi a loro e ai vicini di casa.

È obbligatorio fare le dovute segnalazioni

Se il vicino ha il tetto in amianto e non denuncia la cosa, possiamo farlo noi. Anzi, lo dobbiamo segnalare perché è nostro dovere tutelare la salute di entrambe le parti.  Le segnalazioni si possono fare alla ASL o anche via web in forma anonima ai Carabinieri o ai vigili utilizzando il modulo di esposto denuncia. Dopo la segnalazione interviene in genere l’Arpa, l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, che eseguirà i dovuti sopralluoghi per verificare e individuare la presenza di amianto nell’ambiente segnalato e procederà alla rimozione.

In quali casi c’è l’obbligo di rimozione

L’obbligo di rimozione delle coperture in amianto sussiste qualora si presenti un rischio legato alla salute delle persone. In questo caso è il proprietario dell’immobile che deve segnalare la presenza di materiale pericoloso e far eseguire i lavori di rimozione ad aziende specializzate ed autorizzate, iscritte all’Albo nazionale dei gestori ambientali, le quali procederanno alla rimozione e lo smaltimento.

Gli edifici pubblici che hanno coperture o tetto in Eternit

Per quanto riguarda gli edifici pubblici che presentano delle coperture in eternit, è la Regione che ha il compito di fare il censimento dei siti che hanno delle parti costruite in eternit, e procedere poi alla rimozione laddove necessario. Attualmente il censimento è obbligatorio per tutte le strutture pubbliche e aperte al pubblico come scuole e ospedali, ma anche condomini. In poche parole, va censito ogni edificio di cui si è a conoscenza della presenza di eternit o tetto in eternit. 

L’obbligo di segnalazione resta dunque invariato, sia nel caso di edifici pubblici che privati.

Martina Manoni
Martina Manoni
Web Editor e Social Media Manager We Build Web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *